De la petite mort à Dieu

Enrico Danna

De la petite mort à Dieu

Maggio 2019, isbn: 978-88-6770-549-8, € 15,00

Trenta componimenti poetici che ambiscono a sublimare l’essenza delle emozioni che assaporiamo, solo per un attimo, quando crediamo di averle afferrate. Ogni volta la stessa tensione, seducente e indomata, la condizione psicofisica che secondo l’autore si avvicina maggiormente a Dio: l’apoteosi del piacere corporeo, l’orgasmo. Come in Quell’ossigeno che mi manca e in Miele divenuto aceto, l’estasi è la stessa che proviamo davanti a un tramonto, una sensazione unica che sfiora la scia degli angeli prima di cadere nel baratro degli inferi. La molteplicità dei temi trattati trova un’unità profonda, un filo conduttore, nello slancio trascendentale che anela all’assoluto riflettendo sulle passioni, sull’amore, sulla fugacità del tempo, sulla labilità e i deliri di un cuore instabile. Con un linguaggio ricco, fatto di immagini nitide e scandite da un ritmo incalzante, Enrico Danna compone versi colmi di aneliti, desideri attesi e disattesi, di nostalgia, preludio di un sogno mai sbocciato e inguaribile speranza d’attesa.

Enrico Danna

È nato nel 1971. Lavora come assicuratore ma coltiva la passione per la scrittura fin dall’età di sei anni. Egli stesso ama definirsi poeta: «Sono colui che vive intensamente le emozioni e cerca di tradurre la propria anima in versi; un uomo con una sensibilità spiccatamente femminile». Ha seguito corsi di scrittura comica, di scrittura creativa e di narrazione. Ha partecipato a diversi concorsi, vincendone alcuni, e pubblicato tre raccolte di poesie: Parole nel vento (2010), Come tulipani i miei occhi (2012), Tra il sibilo e un bacio (2013).