Mayram

luigia altopiedi

Mayram

Febbraio 2019, isbn: 978-88-6770-495-8, € 17,00

Non il solito romanzo sulla Madonna ma una storia raccontata in prima persona, man mano che gli eventi soprannaturali si affacciano nella vita di una ragazza palestinese che, grazie alla sua fede smisurata nel Signore, li accoglie spontaneamente, pur sottoponendoli al giudizio del suo carattere razionale e, per certi versi, rivoluzionario. Maryam è una donna forte e colta che lotta per la sua famiglia, per suo figlio e per l’umanità intera. Ma soprattutto è una madre che non ha paura di sfidare le ragioni politiche e storiche che determinarono l’assassinio di Gesù. Con uno stile semplice, spontaneo e ricco di emozioni, Luigia Altopiedi pone continuamente il lettore dinnanzi alla tensione derivata dalla sovrapposizione di queste due forti personalità: quella di chi guida la storia e quella di chi si racconta, manifestando sentimenti che non sempre traspaiono dai racconti canonici e teologici. Ed è proprio l’amore incondizionato per la giustizia e per la verità a rendere Maryam eternamente affascinante agli occhi di Dio e degli uomini, aldilà di ogni differenza di credo e culto religioso.

Luigi Altopiedi

Conosciuta come Gigetta, è nata a Isernia agli inizi degli anni Cinquanta, ma si considera multietnica e di sangue misto, avendo avuto un padre italiano, una madre greca e una nonna egiziana. Laureata in Lettere negli anni Settanta, a Napoli, ha svolto diversi lavori prima di diventare definitivamente professore di Lettere nelle scuole superiori della sua provincia. È stata un’attivista politica dagli anni della contestazione fino agli inizi del terzo millennio. Ha tradotto dal latino e pubblicato le opere di Onorato Fascitelli, insigne poeta del Cinquecento, e una monografia sul linguaggio ungarettiano. Ha vinto diversi premi nazionali con opere poetiche e di narrativa. Attualmente sta lavorando alla stesura di un romanzo ambientato nella Grecia occupata durante il periodo fascista.